13/05/06

SAVS



Special Air Vatican Service era un ultrasegreto gruppo composto da cinque guardie svizzere, tutti i componenti erano esperti in lotta corpo a corpo, sabotaggio, esplosivi e conoscevano a memoria il Vangelo secondo Marco.
Li comandava il maggiore Spitz , veterano di molteplici missioni segrete in territorio italiano, nessuno avrebbe mai saputo il ruolo giocato dal corpo scelto negli anni caldi di quella repubblica.
Erano tutti allineati in silenzio davanti al Papa che tamburellava impaziente con le dita il bracciolo del trono quando arrivò il camerlengo con il Federici, questi fu colto da sturbo quando, toltogli il sacchetto di carta dal capo si trovò davanti Sua Santità in persona.
Haemus lo guardava con curiosità, era come stare davanti ad uno specchio a parte la mancanza della luce dell’intelligenza acutissima e pronta che illuminava gli occhi del Santo Subito.
“ Avvicinati Agesilao” disse il Papa.
Esitante il meschino si avvicinò pungolato dalle alabarde , inciampò, cadde all’indietro, si afferrò ad un’alabarda, scartò a destra, si infilzò su un’altra alabarda ed immantinente morì.
“ Anubi!” disse il Papa con aria incazzata poi “ fuoriiiiiiiiiiiiiiiii fuoriiiiiiiiiii” gridò con voce da soprano.
Luca pianse.

2 commenti:

Jean du Yacht Afondè ha detto...

Luca pianse, io invece gongolo, perchè non sopporto il nome Agesilao.
ps.: FINE. questo è il mio 100° commento e sarà anche l'ultimo; tutto ha un inizio ed una fine, ringrazio tutte le persone che hanno avuto la bontade di leggermi, le persone vere, le finte, le solari, le lunari, le arrapate e le mosce (dayan), le acacanti e le incontinenti ecc. Un giorno forse, come l'Araba Fornicatrice, Jean du Yacht risorgerà dalla domenica delle Ceneri o da quella della Pentolaccia e allora sarà l'anno Zero Assoluto oppure Renato, con ricchi premi e copulons e farinata per tutti da Uberto. Non cercate di fermarmi, ADDIO.

L' Apocrifo ha detto...

Quel giorno Bisteccone alzò lo sguardo su Jean e con voce ispirata disse:" Mavaffancuuuulo!"