06/05/06

Papillon

Le catene che passavano da una caviglia all’altra dei deportati tintinnavano tristi ad ogni passo, il capo chino, circondati dall’ostilità e dalla derisione della folla ai lati della strada, De pretis, Lo Turco, Marika e tutta la cricca dei loro satelliti stavano per imbarcarsi sul postale per la Cayenna Francese appositamente riaperta per la bisogna.
Era bastata una telefonata del Semidivino al presidente d’oltralpe per ottenere la riapertura del bagno penale: “ Se vuoi caro Haemo posso far ripristinare Mademoiselle la Guillotine” ma Royd spinto dalla sua proverbiale bontà si schermì e poi gongolò.

3 commenti:

Jean ha detto...

Bravo Semidivino (cioè metà divino, l'altra metà? aceto?) con l'aiuto dei Trans(alpini) VENDETTA TREMENDA VENDETTA! giusto così: occhio per occhio dente per dente! o come dicono in mare: occhiata per occhiata dentice per dentice! Chi di pescespada ferisce ecc. ecc.
Meglio un pescesega oggi che... (ah no forse mi sto confondendo).

Suor Ospizia dell'ordine delle vergini crociate ha detto...

Mademoiselle La Gulliottin invaghitasi del semivino Hemo,mollo il fuggitivo e ratta si appese al collo del Di Vino

AhiMè Tanolo ha detto...

Ripensandoci bene, Semidivino avalla la tesi del DOCG. In caso contrario saresti l'Adulterato.
J.