09/05/06

Chat

L’orologio della stazione ingiallito dallo smog scandiva lento i minuti che lo separavano da lei, con gli occhi frugava la folla teso a cogliere il cappellino rosso che , per accordo comune , avevano deciso di indossare entrambi come segno di riconoscimento.
L’aveva conosciuta in chat e finalmente l’avrebbe vista di persona, eccola!
“ Che megacesso!” pensò, quando poi, finalmente vicini, lei gli parlò con la voce da baritono e si presentò come Pino lui ci rimase molto male ed ebbe un accenno di prolasso rettale.

4 commenti:

gianduiotto ha detto...

Codesto Pino con voce da BARITONO l'ho incontrò alla stazione di Pino SOPRANO o di MEZZO SOPRANO? e che TENORE di vita conduce? ALTO o BASSO? e dove OPERA di NORMA?
p.s.: passata la sorpresa, io l'avrei buttato giù dalla SCALA della stazione.

rocco ha detto...

Viuleeenza!
La domanda e' una: Carlo è felice?

Jean ha detto...

Sì, è sicuramente Felice, ma per me è tutto un teatrino.

Anonimo ha detto...

Great site loved it alot, will come back and visit again.
»