29/12/05

Similia similibus iuvantur

Haemo era nella sua tana, stava visitando, bussarono alla porta in modo concitato-Qualcuno sta male- pensò ed andò ad aprire.
Era una signora che, abitando nello stesso stabile dello studio, conosceva di vista –dottore mia figlia sta male, la prego, non parla non risponde, sta con gli occhi chiusi, venga la prego-
Stava due piani più sopra e, mentre salivano –Quanti anni ha?-chiese Haemo
-25- rispose la signora
-Una crisi isterica ipotizzò, devo far presto c’e’ la sala d’aspetto piena di gente e stasera in tv c’e’ la 656° puntata di Sentieri- pensava Haemo
Entrarono in casa e nella stanza della giovane donna, una stanza semplice, da ragazza, sul letto lei, tesa e mugolante, una rapida occhiata confermò l’ipotesi di partenza.
-Signorina mi sente? Sono il dottore dello studio qua sotto- lei annuì
-Signora le spiace uscire un momento?-chiese Haemo alla madre.
Rimasero soli -Voglio che lei stringa i pugni, e tenda le braccia, e voglio che le gambe e i piedi siano tesi, e i denti stretti e gli occhi stretti e i muscoli attorno alla bocca stretti-la signorina forse stupita obbediva agli ordini che Haemo dava con voce pacata ma autoritaria.
La fece tendere tutta e, quando sembrava un baccalà:
-Ora voglio che apra i pugni e rilassi le braccia e i gomiti- e via via la fece rilassare tutta.
-Ora apri gli occhi- lei li aprì, erano occhi di ragazzina e guardavano Haemo per la prima volta.
-Fra poco starai meglio, quello che prima era involontario lo abbiamo trasformato in volontario ed ora ne hai il controllo, cosa è successo? Ti ha lasciato il fidanzato?-
Lei diede una spiegazione che Haemo fece finta di ascoltare poi:
-Ciao devo andare dai miei pazienti- e uscì dalla stanza.
Fuori la mamma preoccupata: -Dottore come sta?-
-Sta bene e fra poco starà benissimo non era niente di grave una crisi di nervi-
Dopo qualche mese la signora passò dallo studio con dei liquori, era quasi Natale
-Come sta sua figlia?- chiese Haemo
-Bene, non le è più successo, ora sa come si fa- disse la signora.

p.s.
Questa storiellina la regalo alla mia consorella Ospizia dell’ordine delle ex vergini crociate.

2 commenti:

Suor Ospizia dell'ordine delle vergini crociate ha detto...

ragazza diciottenne con mal di pancia e nausea..........la madre ripassa dopo 1 mese: dottoressa ci ha bidonato a tutte e due : ERA INCINTA :-)

Haemo Royd ha detto...

Non sono stato io!