27/12/05

Probabilità

Sapeva aspettare, erano lustri che aspettava, calmo, paziente aspettava.
-Dato un tempo abbastanza lungo, qualsiasi probabilità si verifica- recitava una delle leggi della statistica, lui la conosceva e ci contava.
Così aspettava una donna che si accorgesse di lui.
Invano.
Sapeva aspettare, erano lustri che aspettava, calma, paziente aspettava.
-Dato un tempo abbastanza lungo, qualsiasi probabilità si verifica- recitava una delle leggi della statistica, lei la conosceva e ci contava.
Così aspettava un uomo che si accorgesse di lei.
Invano.
Quel lunedì alla fermata del bus c’erano solo loro due, si riconobbero, si sorrisero timidi, fu come se si conoscessero da sempre, lei drizzò le spalle, lui levò il berretto di lana, stettero in silenzio troppo impacciati per rompere il ghiaccio.
Poi lui prese il 7 e lei il 18.

2 commenti:

Suor Ospizia dell'ordine delle vergini crociate ha detto...

donna di poca fede: era il 7 il numero perfetto

Franco Belga ha detto...

Giocare un tot (ma anche un po' di più) su 7 e 18 sulla ruota di ZENA.