13/12/08

Bontà


Il Babbo Natale elettrico si muoveva sul posto in modo happylettico al suono di “ let it snow”.
“ Ma si, è Natale!” pensò Haemo e regalò il torsolo della sua mela di salute alla stracciona che chiedeva l’elemosina all’ingresso del Rotary.

15 commenti:

Tarkan ha detto...

Che cuore d'oro! Che nobiltà d'intenti e d'azioni! Che generosità! Questo è il vero significato del Natale!

beyk happel ha detto...

Tu procuri profonda commozione.
Cerebrale.

Haemo Royd ha detto...

Beyk risi e strarisi, il fatto è che adoro le pezzenti per due motivi:
1) sono nature
2) sono utili come cavie
lo so...lo so...son troppo buono ma è Natale.

gfd ha detto...

Bontà con bontà si paga.

Non appena si voltò di schiena qualcosa lo raggiunse alla nuca:Il torsolo.
Il colpo gli fece volar via gli occhiali e nel tentativo di prenderli si sbilanciò troppo perdendo l'equilibrio. Cadde battendo rovinosamente la testa sul marciapiedi.
La stracciona si avvicinò,lo guardò,Haemo era in preda alle convulsioni:-Bontà tua!
Anche lui adesso sembrava un Babbo Natale happylettico.
Che carino, pensò.
Peccato che facesse solo schiuma dalla bocca ma non cantasse .

Haemo Royd ha detto...

Terque quaterque taesticulis tactis palleggiatoque augello et in omnia paericula tasta taesticula!

Pipoca ha detto...

fu trasportato con la lettiga più veloce alla sua clinica portatile privata. le sue due scollate infermiere private iniettarono lui il siero miracolo, un'esplosione multicolore avvolse il camper e tutti il circondario, mentre gli indigeni increduli battevano le manine, urlando al miracolo. Haemo fu di nuovo pronto per il suo ingresso al Rotary di Puerto Rico.

Aveva da fare il suo discorso sul risparmio energetico e l'inquinamento per salvare il pianeta
e niente avrebbe impedito lui di trasmettere la magica atmosfera del natale. Fece quindi accendere il riscaldamento, mentre nel caminetto scoppiettava l'uomo albero dell'isola, dopo aver aumentato l'aria condizionata.

Tasto taesticolorum io quoque, semper.

Visir ha detto...

Lei mi ricorda il numero uno del gruppo TNT, ieratico e spietato, praticamente il manifesto dei nostri tempi.
Vizi privati e pubbliche virtù fanno da protagonisti sul palcoscenico kitsc del nostro mondo.

La nostra meravigliosa società è un autobus a folle velocità su una strada di montagna, ma senza conducente.
A bordo una moltitudine puzzona e brulicante che mangia, scopa e si ammazza al ritrmo di un allegro Samba.
In fondo alla strada un precipizio ci aspetta paziente, mentre il sole tramonta in un rosa magnifico.

gfd ha detto...

Ma Sir V,se ad Haemo gli si mette un casco,con i suoi baffi e gli occhiali è l'immagine di Otto Grunf!

Visir ha detto...

Potrebbe essere anche Bob Rock prima della rinoplastica o Alan Ford (quando era più giovane). Sicuramente il Conte Oliver quando scrive. Penso però che anche Cirano il cane abbia una certa pertinenza. Egli è la summa o la sugna del celebre gruppo. Personalmente il mio mito resta Superciuk con il suo motto molto natalizio: rubare ai poveri per dare ai ricchi...perchè i poveri sporcano.
Buon X-mas

Pipoca ha detto...

anche i ricchi sporcano, altrimenti non ci sarebbe bisogno dei poveri per far le pulizie.

gfd ha detto...

Sinceramente nel ruolo di Alan Ford...ci vedo benissimo Jean lo smilzo biondo platino...più platino direi!Hey Jean, Alan è il bello del gruppo TNT mica bubbole!Lei Sir Vir come Cariatide non sarebbe male!

Jean du Yacht ha detto...

Gfd quanto mi piaci! non ti fa certo difetto la fantasia. Ore 0.01ti mando il bacio della buonanotte.

Visir ha detto...

La cariatide mi piace e piacerebbe anche al mio dentista. :)

I ricchi non sporcano mai, semplicemente fanno spazio nella loro cabina armadio stagionale e favoriscono l'economia con il riciclo e il riciclaggio. :)

gfd ha detto...

Anche uno a te Jean :*

gfd ha detto...

Ma si anche ad Haemo,Beyk,Pitanta,Visir e Tarkan...però a questo punto Jean a te ne mando due.....che sei il mio cappellaio matto!
Ma il Bleek qui com'è che non ci mette lo zampino?