15/09/10

La visita

Haemo stava sorbendo un the col suo amico cardinale, era presente l'Eminenza di Napoli venuto in visita dal compare.
" Eminenza , mi dica, lei ci crede davvero al diavolo e alla verginità di Maria e alla resurrezione della carne?" chiese curioso il Nostro.
" Naturalmente no, so' tutte allegorie...cazz...hem pazziatelle!" rispose il Porporato con accento partenopeo.
" Ma...come?" chiese Royd esterrefatto.
" Tutti avimm a campa' guaglio'- poi datogli un buffetto tipo gancio sinistro- bacia la mano che t'ha picchiato- disse e sorrise dolcemente.

5 commenti:

Visir ha detto...

Buddha appena nato parlava, Mahavira invece rideva al posto di piangere, Gesù nacque da una vergine e via di seguito.

Tutto deve essere ammantato da "pazzariellate" cui la gente, non solo crede, ma anche si scanna convinta di essere nel giusto e poi va a letto contenta.
I mussulmani adorano la pietra della Mecca, gli ebrei la Torah e fin qui nulla di male, ma se si analizzano la sequela di fatti e racconti in ogni religione troviamo solo una trama di un film di fantascienza punteggiata da qualche buon consiglio.
Curiosamente si materializzano poi le apparizioni. Ai cristiani appare sempre qualche santo, agli indù qualche divinità e non succede mai che ad un zoroastriano appaia, magari S. Gennaro o Krishna, ad ognuno appare sempre un rappresentante della sua religione. In migliaia d’anni mai un errore di apparizione, non è strano? Si compiono miracoli prodigiosi, guarigioni inaspettate in un tripudio di effetti speciali che incantano lo spettatore.
Alla fine però si muore tutti e nessuno a mai riuscito a dire com'è dopo.

La verità? Che in questo gran casino nessuno sa un cazzo.
Però, ci terrorizza vedere che nasciamo per caso, viviamo grazie a coincidenze e moriremo senza la minima certezza, dopo esserci affannati per la maggior parte del poco tempo a disposizione in cose inutili.

Se proprio uno sente il bisogno di cercare una dimensione più alta del proprio divenire dovrebbe avere l'umiltà di cercarla da solo senza rompere le palle al suo vicino.
Dovrebbe indagare per conto suo senza la comodità di risposte precotte, come un viaggiatore attento che in punta di piedi entra in un paese che non è il suo, chiede permesso, accosta le mani per salutare e cala il capo, forse imparerà qualche cosa.

Penso che sia giusto, alla fine, trattare il mondo come un interminabile mistero; e quello che uno e il resto della gente fa, come un'interminabile follia.

Haemo Royd ha detto...

Bravo Visir!
Ecco le parole di un uomo sulla via della saggezza.

Melisenda L. ha detto...

ma tosto l'Eminenza di Napoli interruppe i convenevoli :
"Dottor Royd, mi dica, questa malattia che mi ha trovato... è grave?"
"Emine'... tutti avimm a campa'" rispose il Luminare bisturuto, mentre si accingeva ad incidere

lentiggine blu ha detto...

E per forza! Al royd gli son venuti due maroni così!

lentiggine blu ha detto...

... o era il Cardinale?
Mah, sono confusa