04/01/06

Play

Gli era presa la febbre del gioco, non riusciva a farne a meno, nel corso della giornata, sul lavoro, si distraeva ma di colpo ci ricascava , era un’ossessione.
I suoi pensieri tornavano continuamente a quello, sempre a quello.
Si ripeteva che non era giusto che era un uomo adulto con delle responsabilità ma ogni volta lo rifaceva.
Tirava fuori il gessetto, disegnava il pampano e poi finalmente giocava…giocava…giocava.

6 commenti:

Arturo De Pretis ha detto...

Esimio Cav.
Le scrivo questa mia per esprimerLe in primis stima e gratitudine, in secundis per chiederLe quando avrò l'onore ed il piacere di leggere un'altra avventura del nostro caro Haemo o di un altro dei tanti sorprendenti personaggi che popolano questa sorta di caleidoscopico osservatorio della nostra società, odierna e non.
AugurandoLe imperituri successi
Indisdindamende
Notaio Arturo De Pretis - Roccasecca

Suor Ospizia dell'ordine delle vergini crociate ha detto...

pampanando pampanando onde sei finito??????????

Jean du Yacht ha detto...

Egr. Docteur mi associo alla domanda di suor ospizia, che fine ha fatto? Forse a furia di pampanare ha perso l'ispirazione?ma alla sua età (betà) pampana ancora?

Suor Ospizia dell'ordine delle vergini crociate ha detto...

Tutti insieme noi cantiam:
Tornaaaaaaa stu blog aspettaaaaaa
teeeeeeeeeeeeeeeeee :-)
Torna piccinoooooo torna al tuo blogghinoooooooooooo

jean du yacht ha detto...

E' forse stato rapito dalla BEFANA? (L'epifania tutti i Doctorblog si porta via). Oppure se ne è innamorato e allora sarebbe il caso di dire: Haemo è diventato Shaemo!

Bainzu ha detto...

Ajò o su dottori ponimindi pagupagu e kizzikizzi una barzelletta o ri partu de conca, lascallonis!

Bainzu da Santulussurgiu